Benvenuti nel sito dell'associazione italiana tecnici autoptici
Home Informazioni News Testi Servizi Cod. Deontologico Contatti Modulistica Eventi

image1

 

La tecnica autoptica trova il suo primo regolamento italiano nella Circolare del 30 giugno n. 1910 del Ministro (FANI) di Grazia e Giustizia e dei Culti. In questa circolare è contenuta la procedura attraverso cui si espleta l'autopsia. Con il passare degli anni nuove procedure e tecnologia mediche hanno un po' rivoluzionato il processo autoptico, tanto che si sta discutendo e si è in parte prodotto recentemente un documento medico forense europeo sulla tecnica autoptica.

Eventi, Articoli e foto

Foto

Nessuna foto inserita.

 

Eventi

ASSEMBLEA ORDINARIA SOCI A.I.T.A.

 

 

 

 

 

                                         A.I.T.A.Associazione Italiana Tecnici Autoptici

 

 

Assemblea Ordinaria dei Soci A.I.T.A.

 

 

 

 

Firenze, 11 febbraio 2011

 

 

Verbale di assemblea dell’Associazione Italiana Tecnici Autoptici

 

L’anno duemilaundici giorno 11(undici) febbraio alle ore 17,00(diciassette), in Firenze c/o sala riunioni Medicina Legale di Firenze, sono presenti:

Borghi Mauro, Doretti Marco, Venturi Paolo, Anti David, Eleuteri Carlo, Venturoli Monia, Torreggiani Carlo, Calugi Walter, Ferri Daniele, Fornasiero Andrea, Lucarelli Chiara, Cortini Faustino.

  Il Presidente Mauro Borghi, assume la presidenza dell’assemblea e constata:

- che la presente assemblea è stata convocata a norma dell’articolo 10 dello   statuto in questo luogo, per questo giorno ed ora, mediante comunicazione ai tutti i soci nei termini previsti  dall’art.10.

- che sono presenti, in proprio o per deleghe, che vengono conservate negli atti dell’associazione numero 35 ( trentacinque) soci, e pertanto pari ai tre quarti degli associati, ai sensi dell’ art.10.

-che pertanto la presente assemblea è regolarmente costituita e può deliberare sugli argomenti indicati nel seguente

 

 

 

 

 

 

ORDINE DEL GIORNO

 

 

 

 

 

  1. Bilancio consuntivo anno 2010 ed approvazione,
  2. Elaborazione di un progetto per corsi professionalizzanti interregionali anno 2011-12alla Regione Toscana,
  3. Proposta di aumento della quota associativa annuale da euro 50,00 a euro 100,00ed approvazione,
  4. Relazione del collega Carlo Torreggiani sull’incontro con l’Onorevole Polledri, riguardo a sviluppi sulla proposta di legge dei tecnici autoptici, già presentata alla Camera dei Deputati,
  5. Presentazione nuovi associati e relazione sull’incontro con i rappresentanti legali di ASSIATEL, ANTEL, ed AITIC, per un eventuale confederazione,  
  6. Varie e eventuali.

 

 

   

 

  1. L’assemblea approva all’unanimità il bilancio consuntivo dell’anno 2010.
  2. Il Presidente illustra la proposta di realizzare  nuovi corsi professionalizzanti interregionali finanziati dalla Regione Toscana per il  2011/12, con la collaborazione del Dipartimento di Anatomia, Istologia e Medicina Legale di Firenze e l’interesse del Prof. Taddei, ordinario di Anatomia Patologica, alla realizzazione di questi corsi nell’Ateneo fiorentino con la consulenza di A.I.T.A.,
  3. L’assemblea, a fronte dell’aumento delle spese di gestione fiscale, di conto corrente bancario, del sito internet e delle stesse convocazioni fatte nel corso dell’anno, approva l’aumento della quota associativa a 100,00 euro, anche per poter effettuare il convegno 2011 con sede e data da definire,
  4. Il collega Torreggiani illustra sull’incontro con l’Onorevole Polledri e sottolinea l’importanza che ognuno di noi solleciti la calendarizzazione della discussione della nostra legge, inviando una e-mail ai vari Onorevoli che hanno condiviso con  Polledri la realizzazione delle legge Inoltre il Senatore Rizzi, si occupa del Nuovo Regolamento di Polizia Mortuaria. Come sappiamo il vecchio regolamento ha ancora leggi risalenti al Regio decreto, ed è carente su figure professionali che gravitano in un obitorio ecc. In particolare Torreggiani sottolinea la totale mancanza di normativa sulla figura del necroforo, che non esiste ma è menzionata in un bando di concorso nella Regione Emilia Romagna. Questa grave carenza va sottolineata, anche grazie all’invio di queste e-mail. La richiesta a gran voce a questo Senatore, aiuta senz’altro noi ed il politico a capire quanto c’è da fare nel settore di nostra competenza.
  5. E’ con enorme piacere che l’Assemblea accetta la domanda di iscrizione della collega Stefania Ranieri, che venuta a conoscenza della nostra esistenza ha chiesto di far parte del nostro gruppo.
  6. Il Presidente relaziona sull’incontro avvenuto la mattina alle ore 12,00, con la Dr.ssa Alba Marzo, segretario nazionale ASSIATEL, che rappresenta ANTEL ed AITIC alla presenza del Prof. Taddei ( per i tecnici di laboratorio biomedico) ed il Prof. Bondi ( per i tecnici citologici). L’incontro ha sottolineato l’importanza di una alleanza all’insegna comune del raggiungimento per il futuro di una specifica figura professionale, che nell’ambito dello stesso percorso formativo, possa avere specializzazioni diverse a secondo dell’inquadramento lavorativo richiesto. Da qui seguiranno incontri per sottoscrivere un documento di alleanza, mantenendo comunque la propria identità originale, ovvero quella di tecnico sanitario autoptico,
  7. Il collega Torreggiani invita i colleghi a svolgere attività di monitoraggio nei vari luoghi di lavoro e segnalare anomalie strutturali ma anche procedurali ovvero segnalare tutte quelle problematiche all’interno del proprio luogo di lavoro per ratificare, a nome A.I.T.A., alle Direzioni Generali quali sono gli ambienti e le persone da mettere a norma. A.I.T.A. stessa potrebbe formare con dei corsi specifici, i nuovi necrofori.
  8. Paolo Venturi vice-presidente e segretario generale, ricorda che la quota associativa può essere dedotta dalle tasse e che in occasione della denuncia dei redditi, si può destinare il 5x1000 alla nostra Associazione, segnalando il codice fiscale
  9. Il Presidente augura a tutti buon lavoro e chiude l’Assemblea.

 

L’Assemblea si è svolta regolarmente e si chiude alle ore 19.00

 

 

Il Segretario Generale

    Paolo Venturi

                                                                                              

 

 

                                             Il Presidente

                                             Mauro Borghi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articoli

La figura del tecnico sanitario autoptico
Robot da sala (24 Luglio 2009)
Archivio morti violente

 

image2

Lezione di anatomia del dottor Tulp, Rembrandt (1632)

L'opera fu commissionata al pittore dalla Gilda dei Medici di Amsterdam. Rappresenta il professor Nicolaes Tulp, titolare della locale cattedra di anatomia, mentre esegue la dissezione del corpo di un giustiziato del quale, grazie ai documenti, conosciamo l'identità: Adrian Adrianeszoon detto "Het Kindt", famigerato criminale impiccato ad Amsterdam nel gennaio del 1632. In un'epoca in cui non esisteva ancora la refrigerazione elettrica per conservare i cadaveri, le anatomie si potevano tenere solo nei mesi più freddi: conseguenzialmente, possiamo dedurre che l'intervento su Het Kindt sia stato tenuto da Tulp poco dopo la sua impiccagione. Il dipinto, quindi, è databile alla prima metà dell'anno.